One Response

  1. roberto
    roberto
    3 settembre 2015 at 08:22 | Reply

    Mi fai sempre tornare la voglia di scrivere, la Sicilia è nel mio cuore, nel mio sangue se è vero che mia nonna era di Ravanusa e la sua famiglia che allevava galline con gli occhiali, aveva creato un “mercato” ad Isola delle femmine, di uova e di chissà cos’altro…E quella domenica cocente a Contessa Entellina dove il mio amico Pietro m’invitò a mangiare il castrato, ancora ricordo le strade tagliate in due dal terremoto del Belice del 1968…la Sicilia è un carezzevole pugno nello stomaco che ci metti tutta la vita a digerire.

Leave a Reply